FUOCO, FOSFENE E LA TRADIZIONE AFRICANA

Di Amadou DIOP (un fosfenista con sede in Senegal)

Per l’intera umanità, il fuoco è stata una scoperta importante, avvenuta per la prima volta in terra d’Africa.
L’utilizzo del fuoco ha notevolmente migliorato lo stile di vita degli esseri umani, in particolare nel continente africano.
Alcuni paesi in Africa hanno conosciuto e utilizzato il fuoco per lunghi periodi della loro storia.

All’inizio, il fuoco ha contribuito a innescare la trasformazione da « selvaggio » a « umano » controlla « genesis » per ulteriori informazioni. Sebbene, nell’antichità, il fuoco fosse usato principalmente per cucinare, era anche molto usato per l’illuminazione.

Le Comunità hanno organizzato i propri sistemi educativi adattandoli al contesto in cui si trovavano, al servizio degli obiettivi della trasmissione della conoscenza e della sostenibilità di una civiltà originale, riconosciuta e dinamica.
In ogni casa, è attorno al fuoco che la Tradizione Orale ha formato il suo Sistema di Insegnamento. I corsi serali hanno dato l’opportunità a Insegnanti impareggiabili di utilizzare parole scelte con cura per creare suoni, immagini, che, associati alla luce delle fiamme luminose, sarebbero rimasti impressi durevolmente nella memoria degli studenti e li hanno accompagnati nella loro sonnolenza e nel loro sonno profondo .

Gli studenti si svegliavano il giorno successivo, avendo interiorizzato una considerevole conoscenza ancestrale, un notevole know-how e un senso di comportamento sociale misurato.

La luce che risplende dal fuoco, associata all’immagine creata dal Maestro si fonderebbe l’una nell’altra per produrre un fosfene, attirando l’attenzione dei bambini e rendendoli capaci di memorizzare vasti domini della tradizione orale e tradizionale africana.

Al di là del cognitivo, la conoscenza si diffonde alla psicomotricità e influenza gli atteggiamenti verso i membri della Comunità e verso l’Ambiente.

Sebbene l’insegnamento orale sia ancora molto importante, resta il fatto che anche la parola scritta ha conosciuto la sua età dell’oro, producendo innumerevoli studenti veterani, provenienti da scuole di fuoco.

In Africa le scuole del fuoco costituiscono una pratica molto comune, popolare ed efficiente che è ancora praticata nei villaggi.

Al tramonto e prima dell’alba, un cerchio di studenti circonda il fuoco e inizia un’esibizione cacofonica, mentre ogni studente recita, ad alta voce, la lezione particolare che sta imparando, da una tavola di legno scolpita, piena di scritti in inchiostro nero.

Con il suo ritmo molto buono, la cacofonia fa apparire anche suoni tanto vari quanto le voci che si alzano nella notte, durante le quali la luce esce, si associa alle immagini e ai suoni e produce miracoli; poiché, dopo molti anni, coorti di discenti progrediscono nella loro formazione nel campo dell’istruzione. I discenti sviluppano capacità prodigiose di memorizzazione, diventano insegnanti per perpetuare la tradizione e vegliare sui giovani iniziati.

Gli studenti superano sfide importanti e diventano essi stessi maestri, riconosciuti da tutti, compresi i loro coetanei.

Nonostante un processo molto rapido di urbanizzazione dell’Africa, queste pratiche rimangono ancora efficaci, in particolare nelle zone più rurali.

In Africa le scuole del fuoco sono una realtà indiscussa che contribuisce profumatamente a respingere i confini dell’ignoranza ea favorire il fiorire di tanti giovani ben formati, capaci di affrontare le nuove sfide che l’Africa deve raccogliere. Non c’è dubbio che la pratica della miscelazione fosfenica contribuirà a questo.