ALTRI DONDOLAMENTI
(Emi-circonduzione)

TAVOLA n.°6:
il dondolamento a EMI-CIRCONDUZIONE
o dondolamento di Cristo o dondolamento a ferro di cavallo


Dondolamento a EMICIRCONDUZIONE, mantra ELLE

Anche chiamato dondolamento di Cristo, perché la posizione della sua testa sulla croce, che non è una posizione naturale per un morto, mostra l'esercizio iniziatico corretto.
= Sogno iniziatico (sogno durante il quale il soggetto riceve dei consigli sugli esercizi che deve fare per giungere rapidamente ad uno sviluppo interiore). Permette il contatto con delle guide spirituali e il viaggio negli annali akashici (subconscio).

Questo movimento si esegue ad un ritmo di 3 secondi per lato ed è composto da una sola fase.

Durata: 3 minuti. Rifare poi il fosfene e lasciarsi portare per 3-5 minuti dalle sensazioni cenestesiche.


Combinazione del dondolamento e dell’oscillazione di torsione.
Questo modo di fare i dondolamenti è il più profondo, il più naturale e il più tradizionale.
Il più naturale perché è il movimento originario della vita. E’ il movimento dello spermatozoo. Quando esso si sposta in avanti, da un lato compie con la testa un’oscillazione da destra a sinistra, che si prolunga con un movimento sinusoidale del corpo e del flagello, e dall’altro compie un’oscillazione di torsione intorno al suo asse: potremmo quindi dire che presenta, a chi lo guardasse dall’alto al microscopio, un po’ la guancia destra e un po’ la guancia sinistra. Ebbene, questa combinazione di oscillazioni di torsione e di oscillazioni sinusoidali è molto diffusa in biologia; ad esempio se, quando si cammina lungo un muro, si proietta su di esso il movimento dell’anca, tale movimento traccia una sinusoide, mentre d’altra parte si ha un’evidente oscillazione di torsione poiché le anche, un po’ l’una e un po’ l’altra, si trovano in avanti e all’indietro in modo alternato. Quindi, come nel caso della marcia dello spermatozoo, c’è una combinazione di movimento sinusoidale e di una oscillazione di torsione.

Si dice che il movimento del cuore è una contrazione-dilatazione. In medicina però ci insegnano che il cuore si contrae come si strizza uno strofinaccio che si vuole asciugare, vale a dire con un movimento di torsione alle estremità, visto che le fibre muscolari cardiache sono a spirale e sono chiuse su se stesse. In altre parole, il cuore è una specie di strofinaccio a quattro anelli.

Proiettiamo questa combinazione fondamentale e biologica sui movimenti della nostra testa, il dondolamento da destra a sinistra (dondolamento laterale). L’oscillazione di torsione è il movimento nel corso del quale il mento va da destra a sinistra, mentre l’asse della testa rimane sempre verticale. Se combiniamo i due movimenti la testa andrà ad appoggiarsi sulla clavicola di un lato e poi su quella dell’altro lato. E’ indispensabile che vi sia uguaglianza tra la flessione e la torsione. Questo movimento risulta più piacevole da fare all’ottava del ritmo di base di due secondi, cioè al ritmo di quattro secondi, o anche al ritmo di tre secondi. In ogni caso bisogna scegliere l’una o l’altra di queste durate in modo da creare le vie neurologiche portatrici di esperienze.

Questi movimenti, in fin dei conti, sono i più facili da fare, il che non ha niente di stupefacente perché corrispondono al movimento originario della vita, il più piacevole, quello durante il quale è più facile continuare a pensare mantenendo un’attività ritmica del pensiero, che si tratti di un mantra o di altro, o del dondolamento di un punto di concentrazione.

Quando cessate questo movimento della testa, il movimento del pensiero continua inoltre con una grande facilità.

Nei dipinti antichi con la rappresentazione di Cristo, come sui crocifissi antichi, la testa di Cristo è sempre piegata in questo modo sulla clavicola, in semi-flessione e semi-torsione. Un tempo era sempre verso destra perché, secondo la tradizione, morendo avrebbe guardato verso ovest. Nei dipinti più recenti la testa appare a volte rivolta verso sinistra. Rimane il fatto che sono i chirurghi che hanno decretato che quella non era una posizione normale per un cadavere appeso per le mani, e da allora Cristo viene rappresentato con la testa che pende in avanti.

Ma se gli artisti del Medio Evo hanno rappresentato la scena con la testa inclinata e con un contemporaneo movimento di torsione, cioè appoggiata sulla clavicola, è perché nel Cristianesimo di quell’epoca ci si ricordava ancora che quel movimento aveva un grande valore mistico, vale a dire delle grandi possibilità di aiutare a far nascere il pensiero ritmato, allora chiamato preghiera o litania, e di aiutare nella ripetizione delle preghiere e delle litanie ad un ritmo molto regolare e perfettamente consapevole.

Inclinazione del coro sulla navata in certe chiese e cattedrali.
Noterete anche che alcuni edifici di culto, ad esempio le chiese gotiche o anche delle cattedrali gotiche, e persino alcune chiesette romaniche di campagna molto più antiche, hanno il coro inclinato rispetto alla navata.
A Quimper (Francia), ad esempio, è assolutamente lampante. A Saint-Malo, se si sta ben al centro dei gradini all’ingresso della cattedrale, con un po’ di attenzione si può vedere la stessa cosa. E ad esempio a Monteton, piccolo villaggio della Dordogna in cui c’è una chiesa romanica, sulla porta di ingresso è presente la spiegazione di questa leggera inclinazione su cui attiriamo la vostra attenzione: per richiamare l’inclinazione della testa di Cristo sulla croce.

Se si è marcato questo movimento persino negli edifici di culto di una certa epoca, è perché ci si ricordava molto bene che da un punto di vista mistico esso era estremamente importante.
Non dimentichiamo che fino alla fine del Medio Evo si facevano nelle chiese delle danze come quelle delle rotazioni, e anche degli esercizi di dondolamento della testa e del corpo. D’altra parte i cristiani copti si dondolano tuttora durante la preghiera. Di conseguenza, questa posizione di Cristo sui dipinti e sui crocifissi antichi e questa inclinazione della navata rispetto al coro indicano che si sapeva perfettamente che questo movimento della testa era un elemento importantissimo per lo sviluppo spirituale.

Dr LEFEBURE

Navata classica

Navata iniziatica e spirituale


Definizione di: EMI-CIRCONDUZIONE
emi: prefisso derivato dal greco “emi = a metà”, utilizzato in composizione con numerosi termini della scienza e dell’arte.
circonduzione: termine didattico. Movimento di rotazione intorno ad un asse o ad un punto centrale.
In fisiologia, movimento per il quale un arto o un osso descrivono una sorta di cono il cui vertice è nell’articolazione superiore e la cui base è all’altra estremità.


    INDIETRO comprendere la pratica